COME RAGGIUNGERE CAYO LARGO E DOVE ALLOGGIARE

Cayo Largo fa parte dell’arcipelago de Los Canarreos, a sud di Cuba (relativamente vicino all’isola de la Juventud), nel Mar dei Caraibi. L’isola è minuscola e per raggiungerla occorre prendere un volo interno che parte dall’Havana. La compagnia che opera la tratta Havana-Cayo Largo si chiama “Aerogaviota” e utilizza piccoli aerei ad elica. In poco meno di 45 minuti si è a destinazione e dall’alto è uno spettacolo poter osservare i cays dell’arcipelago e tutte le tonalità di azzurro del mare. Per chi ha paura di volare, come me, posso confermare che l’aeroplano era in ottimo stato e aveva una capienza di circa venti posti. Nel tragitto ci hanno offerto le caramelle, che carini! Certo, mi impressionava un po’ vedere dal finestrino le eliche al posto dei motori, ma ci hanno detto che sono i mezzi più sicuri e noi ci fidiamo.

Sia la prenotazione che il costo del volo interno, erano già compresi nel pacchetto di viaggio “Eden Margò” (https://www.edenviaggi.it/cataloghi/), quindi non ho informazioni su come acquistarlo autonomamente.

Due parole riguardo il “Vilo Acuna”, l’aeroporto di Cayo Largo: un capanno e la pista di atterraggio, tutto qui. Si scende a piedi dal velivolo e all’interno c’è solo una stanza per il ritiro dei bagagli…più semplice di così! Già da qui si capisce di essere arrivati su un’isola dall’aria semplice, in cui prevale la forza della natura.

Tenete presente che  Cayo Largo è estremamente turistica. Non ci sono veri e propri abitanti sull’isola e l’unico modo per soggiornare è tramite uno dei sei villaggi gestiti dai tour operator internazionali. Ci raccontava, a riguardo, il ragazzo della reception, che loro lavorano 20 giorni al mese nei resort e 10 tornano a Cuba. Sull’isola, infatti, non esistono case locali di proprietà.

Noi nel 2013 siamo stati al “Playa Blanca“. Inizialmente avevamo prenotato al “Villa Coral”, ma prima di partire ci hanno contattato dicendoci che era in fase di ristrutturazione e che ci avrebbero trasferiti, senza variazioni di prezzo, al Playa Blanca, di categoria leggermente superiore…pazienza!! Erroneamente abbiamo optato per la formula “all inclusive”. E’ una scelta che non facciamo mai, ma non essendoci nulla sull’isola ci sembrava l’opzione migliore. Invece, non abbiamo mai usufruito del pranzo, perché eravamo sempre a “zonzo” e con una colazione abbondante, riuscivamo tranquillamente ad arrivare all’ora dell’aperitivo, servito a bordo piscina, rigorosamente con pizza pollo e banana.

Dovendo per forza scegliere una sistemazione all’interno di un villaggio turistico, consiglio di preferirne uno internazionale, con animazione, clientela e cucina non solo italiana. Noi al Playa Blanca ci siamo trovati benissimo, abbiamo alloggiato nei bungalow dislocati lungo le vie del giardino. Le camere sono spaziosissime e il servizio è ottimo. Il buffet è ricco e propone pietanze per tutti i palati. Unica pecca, le mance. Abbiamo notato che i camerieri servivano prima i clienti che davano somme ingenti, lasciando per ultimi quelli, che come noi, preferiscono essere riconoscenti del servizio, a fine soggiorno.

Il prezzo del combinato di due settimane, Havana + Cayo Largo, acquistato tramite agenzia e comprensivo di voli, spostamenti e alloggi, è stato di 1.558 euro a testa (acquistato a gennaio per novembre).

NB. Ricordate che a Cayo Largo utilizzano la corrente elettrica di 110V, anche negli alberghi, quindi premunitevi di adattatori (o elettrodomestici idonei).

Leggi anche Dove dormire, dove mangiare e spostamenti all’Havana

Lascia un commento